I nostri consigli

Caduta dei capelli nel cambio stagionale
12 Apr

Caduta dei capelli nel cambio stagionale

Come in autunno, anche in primavera i capelli cadono più copiosi rispetto al resto dell’anno. Si tratta di un fenomeno molto comune, che colpisce ugualmente sia uomini che donne ed, entro certi limiti, non deve destare preoccupazione.

Le cause dell'aumento della caduta dei capelli nel cambio stagionale non sono ancora del tutto chiare, probabilmente sono correlate alla variazione del rapporto fra ore di luce ed ore di buio, che influisce sull'equilibrio ormonale. Comunque, finché la perdita di capelli si attesta in un centinaio di capelli al giorno per massimo uno-due mesi si rientra nel normale ricambio dovuto al fisiologico ciclo di vita del capello. 

Se, invece, la caduta è più abbondante e si protrae per più tempo, oppure se è accompagnata da prurito alla testa e dolore al cuoio è importante rivolgersi il prima possibile ad un tricologo, il medico specialista che effettuerà i dovuti accertamenti per valutare lo stato di salute dei capelli e consiglierà la terapia più adatta alle specifiche esigenze.

Per aiutare i nostri capelli a ritrovare forza e bellezza in caso di fisiologica caduta stagionale, invece, può essere d’aiuto:

  • Prestare maggiore attenzione all'alimentazione: Tramite i cibi introduciamo nel nostro organismo anche i nutrimenti di cui hanno bisogno i capelli come vitamine e oligoelementi. Per dare forza ed energia bisogna assumere in particolare carne, pesce, cereali, legumi, frutta secca, latte, funghi e cacao;
  • Adoperare detergenti e trattamenti specifici: Shampoo, balsamo e trattamenti vanno scelti in base alle esigenze dei nostri capelli, per cui in caso di chioma secca, sfibrata e con eccessiva caduta è bene optare per prodotti rinforzanti, appositamente formulati per rendere resistenti e splendenti i capelli, dalle radici alle punte;
  • Praticare un massaggio al cuoio capelluto: Quando si applica lo shampoo, ma anche in qualsiasi altro momento, si può effettuare un benefico massaggio del cuoio capelluto, basta posizionare le dita aperte a rastrello sulla nuca e poi muovere le mani in modo circolare fino alla sommità del capo, esercitando una lieve pressione. In tal modo si riattiva la microcircolazione e si migliora l’afflusso di sangue nel cuoio capelluto;
  • Fare attenzione al calore: L’eccessivo calore disidrata i capelli, rendendoli secchi e sfibrati. Quindi è portante lavarli ed asciugarli con temperature medie, mai troppo calde. Per lo stesso motivo, almeno in questo periodo, è meglio non adoperare le piastre.

Seguendo questi semplici consigli, la caduta stagionale dei capelli diverrà ben presto un lontano ricordo!


Lascia un commento