I nostri consigli

I pilastri della perfetta igiene orale
25 Ott

I pilastri della perfetta igiene orale

Al fine di eseguire una perfetta igiene orale, il primo consiglio è quello di lavare i denti dopo ogni pasto, utilizzare il filo interdentale quotidianamente e non dimenticare mai di utilizzare il collutorio per liberare il cavo orale dai batteri che possono generare processi cariosi.


Non lavare subito i denti dopo i pasti

È importante attendere almeno 30 minuti, soprattutto se abbiamo ingerito alimenti o bibite ad alto tasso di acidità, altrimenti si corre il rischio di spazzolare tali acidi sulla superficie dentale, rovinando di conseguenza lo smalto. È infatti molto importante bere un bicchiere d’acqua dopo aver mangiato e attendere una mezz’ora, periodo nel quale l’acqua e la saliva hanno la possibilità di eliminare gli acidi presenti nel cavo orale.

Spazzolino: come conservarlo e quando cambiarlo

Lo spazzolino deve essere tenuto in un luogo dove le setole possano asciugarsi rapidamente, altrimenti possono svilupparsi quei batteri che proliferano soprattutto in ambienti umidi.

Anche se alcune persone e anche tecnici del mestiere danno spesso tempi ben definiti riguardo la sua sostituzione, non c’è in realtà un tempo prestabilito: il metodo più giusto, sarebbe quello di osservare le setole e, quando iniziano a deformarsi e a perdere interezza, sostituirlo. Ovviamente esiste una regola generale che fissa il tempo limite per l’utilizzo di uno spazzolino singolo a un massimo di tre mesi.

In ultimo, è importante scegliere lo spazzolino più adatto a noi ed evitare di utilizzare spazzolini a setole troppo dure e di non adoperare una eccessiva pressione durante il lavaggio, dato che è una cattiva abitudine che può causare lesioni alla bocca.

L’uso del filo interdentale

La regola di base è quella di utilizzare il filo interdentale dopo lo spazzolino, dato che, in caso contrario, lo spazzolino potrebbe spostare i residui di cibo, estratti dal filo, di nuovo negli spazi interdentali. Per utilizzare correttamente il filo interdentale vi diamo alcuni consigli:

  • la lunghezza deve essere di 30/40 cm e le due estremità vanno avvolte ai due diti medi e tenute con i pollici;
  • il filo va tenuto ben teso e inserito nella fessura interdentale, per poi avvolgere il dente, facendolo scivolare verso il basso;
  • il movimento deve essere deciso ma delicato per evitare di irritare la gengiva;
  • è importante utilizzare una parte pulita del filo per ogni fessura.

Il colluttorio

La regola madre è quella di lavarsi prima i denti con lo spazzolino e solo in seguito sciacquare col colluttorio, perché, senza questa successione, i denti potrebbero macchiarsi proprio a causa del colluttorio se ci sono residui di cibo o placca. La giusta attenzione va adoperata quando si sceglie il colluttorio, perché uno troppo aggressivo potrebbe eliminare sia i batteri cattivi che quelli buoni, che fungono da protezione per i vasi sanguigni.

La cosa migliore da fare se si hanno dubbi sui prodotti migliori per l’iginene del proprio cavo orale è un consulto dal dentista che, analizzando la situazione, potrà consigliarvi al meglio.

Se hai qualche dubbio oppure vuoi semplicemente approfondire l’argomento, contattaci. Il team della Farmacia Ferrara sarà felice di risponderti.

Lascia un commento