I nostri consigli

Si può spendere il Reddito di Cittadinanza in farmacia?
11 Lug

Si può spendere il Reddito di Cittadinanza in farmacia?

Argomento molto discusso negli ultimi mesi, ma molte persone non hanno ancora le idee chiare.

Con la card per il reddito di cittadinanza al momento si possono sostenere le spese già consentite con la carta acquisti, cioè beni alimentari negli esercizi convenzionati e spese in farmacie, in quanto “beni di prima necessità”. La Rdc card è come un bancomat e può essere utilizzata tramite Pos nei vari esercizi commerciali abilitati. In particolare, i Pos identificati con il codice internazionale n. 5912 (MCC), che è quello per le farmacie, sono automaticamente abilitati all’uso della carta. Una recente circolare Federfarma ha dato risposta alle continue richieste di chiarimento di alcune Organizzazioni territoriali.


Differenze tra carta reddito di cittadinanza e social card


Dalla circolare di Federfarma si evince soprattutto che alla Carta RdC non vengono applicate le condizioni di favore della Social Card in farmacia. La circolare del sindacato arriva dopo diverse richieste di informazioni da parte di farmacisti e clienti. Il riferimento legislativo è al Decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 convertito nella legge 28 marzo 2019, n. 26, recante “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”. All’articolo 5 si legge che “la Carta RdC può essere utilizzata, tra l’altro, per il soddisfacimento delle esigenze previste per la Carta Acquisti, tra le quali rientra l’acquisto di farmaci e altri prodotti sanitari in farmacia”. È stato inoltre ribadito che le condizioni di favore praticate dalle farmacie per acquisti su prodotti diversi dai farmaci effettuati con la Carta acquisti (Social Card) non si applicano anche alla card del RdC. La social card infatti dà diritto ad uno sconto del 5% (non applicabile ai farmaci). L’agevolazione è prevista da un’apposita convenzione stipulata da Federfarma con i ministeri dell’Economia e del Lavoro, che però, almeno al momento, fa riferimento in modo esclusivo alla Social Card. Proprio nei giorni scorsi, per quanto riguarda la social card, il sindacato ha firmato la proroga per tutto l’anno 2019.

Lascia un commento